rc con aumenti quasi del 200%Paolo Garonna, direttore generale dell'Ania (Associazione nazionale  imprese assicuratrici) nella "Indagine conoscitiva sulle determinanti della dinamica del sistema dei prezzi e delle tariffe, sull'attività dei pubblici poteri e sulle ricadute sui cittadini consumatori" presentata al Senato presso la Commissione straordinaria per la verifica dell'andamento generale dei prezzi al consumo e per il controllo della trasparenza dei mercati, ha affermato che i prezzi dell'assicurazione rc nell'arco temporale che va dal 2005 al 2009, in media hanno visto una flessione del 20% dei prezzi, invece dal 2009 sono iniziate le spinti a rialzo.

Inoltre ha aggiunto che  "la realtà italiana è che, a fronte di una significativa riduzione dei premi (complessivi e unitari) registrata tra il 2005 e il 2009, il numero dei sinistri accaduti e il costo dei risarcimenti non sono scesi in pari misura.

Anzi, il costo complessivo dei sinistri ha mostrato nel triennio 2007-2009 una tendenza alla crescita".

Non si è fatta attendere la replica di  Massimiliano Dona, Segretario generale dell'Unione Nazionale Consumatori (UNC) che ha controbbattuto sostenendo che "E' quantomeno azzardato sostenere che nel quinquennio 2005/09 i prezzi dell'assicurazione RC auto sono diminuiti in media di oltre il 20%: l'unica cosa certa è che dal 1994 le tariffe sono aumentate mediamente del 173%".

Non solo, infatti "Nei primi mesi del 2011 le tariffe RC auto sono aumentate di circa il 15% rispetto all'anno precedente".

 

E conclude Dona sostenendo che "Non c'è dubbio  che in Italia si registri un considerevole numero di incidenti fraudolenti, ma il vero problema è il costo medio dei sinistri che nessuna agenzia antifrode riuscirà a ridurre se le compagnie non si decideranno a mettere sotto controllo la 'filiera' della liquidazione del danno invece di socializzare il costo dei sinistri gonfiati penalizzando in tal modo gli assicurati virtuosi".

 

Cristina Iadeluca

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment