conto corrente economico e competitivoNel panorama sempre più vasto e complicato delle varie offerte dei conti correnti, spicca un prodotto molto interessante, che è rappresentato dal conto Conto Corrente 3% Plus di Barclays, che è riuscito a coniugare semplicità nell'impiego e nell'accesso ai servizi, una buona remunerazione, rispetto alla media offerta sul mercato dai diversi conti correnti senza dover decidere se vincolare o meno gli importi, e costi davvero molto contenuti. 

Barclays ha puntato al sistema del canone che comprende: operazioni illimitate, comprese le operazioni allo sportello, il carnet degli assegni, gli accrediti di stipendio e pensioni, le domiciliazioni bancarie, accesso via Internet e Phone  Banking, comunicazioni on-line sempre gratuite (se richieste cartacee il costo è di o,77 euro cadauna), e una carda di debito  Pagobancomat del circuito Cirrus-Maestro.

Ora bisognerebbe domandarsi, "quanto sarei disposto a pagare di canone al mese per avere un conto con queste caratteristiche?"

E chi ha passato in rassegna un certo numero di conti correnti, avrà le idee abbastanza chiare a riguardo, visti i prezzi praticati dalle banche concorrenti.

Qualsiasi cifra immaginata sarebbe comunque sbagliata, a meno che non si fosse pensato allo zero.

Proprio così il canone è pari a zero.

Non solo, Barclays 'regala' la carta di credito visa premium, ovvero nel senso che non viene applicato nessun canone, l'unica spesa da sostenere, per altro obbligatoria è l'imposta di bollo.

Ma Barclays forse in un momento di generosità, ha pensato anche all'aspetto remunerativo delle giacenze, e da qui il nome del conto corrente.

Infatti a quanti sottoscriveranno il conto entro il 31 Agosto 2011 verrà praticato un tasso del 3% lordo (l'imposta è del 27%) per somme fino a 5 milioni di euro fino al 31 dicembre 2011.

 

Per il biennio 2012-2013 il tasso di interesse scenderebbe al 2% lordo, ma è bene parlare al condizionale, perchè Barclays dà la possibilità di prolungare l'applicazione del tasso del 3% se viene rispettata una delle seguenti condizioni: essere titolari di un mutuo o un prodotto finanziario o assicurativo Barcays; avere una giacenza media annua di 10mila euro; domiciliare le utenze; disporre l'accredito dello stipendio o della pensione, o è sufficiente anche un accredito di un bonifico ricorrente di una cifra pari o superiore ai 1000 euro.

Anche il costo del deposito titoli è molto competitivo, pari a 45 euro annui.

 

Cristina Iadeluca

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment