Compensi amministatori di un' Srl: quando sono deducibili?La Corte di Cassazione con la sentenza n. 21953 del 28 ottobre 2015 ha statuito che in tema di società di capitali i costi sostenuti per il compenso dei membri del consiglio di amministrazione di una srl non sono deducibili dal reddito d'impresa quando vengono approvati in sede di bilancio. È necessaria un'espressa previsione dello statuto o una specifica delibera dell'assemblea. Ne consegue che devono essere sanzionati con l’invalidità gli atti degli organi societari diversi dalla delibera dell’assemblea, in quanto avente a oggetto questioni estranee alla attribuzione dei compensi agli amministratori. Con tale motivazione ha accolto quindi il ricorso dell’Agenzia delle Entrate, condannando la Srl appartenente a un Gruppo societario al pagamento delle spese giudiziali di I e I grado.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

La massima della Corte di Cassazione: la Corte di Cassazione con la sentenza n. 21953 del 28 ottobre 201 5 ha statuito che in tema di società di capitali, i costi sostenuti per il compenso degli amministratori sono deducibili dal reddito d’impresa ove determinati nello Statuto, oppure con una specifica delibera dell’assemblea.

 

Il caso sottoposto all’attenzione dei giudici della Corte di cassazione:

La Commissione Tributaria Regionale annullava un recupero d’imposte (Irpeg e Iva per il 2003) conseguente al disconoscimento dei costi portati in deduzione da una Srl – appartenente a un Gruppo societario -e relativi ai compensi corrisposti ai membri del consiglio d’amministrazione.

L’Agenzia delle Entrate aveva giustificato il recupero delle imposte(Irpeg e Iva per il 2003) nel senso che la misura dei compensi in questioni non era stata determinata nello Statuto, né deliberata preventivamente dall’assemblea dei soci, con conseguente violazione dell’art. 2389 C.C.

Quindi, ad avviso dell’Ufficio, si trattava di costi non certi nell’esistenza e neppure obiettivamente determinabili come richiesto invece dal TUIR (art. 75) e dal decreto IVA (art. 19.).

Di diverso parere la Commissione Tributaria Regionale, secondo cui non vi erano impedimenti a che la contribuente determinasse “ex post” il compenso degli amministratori con la delibera assembleare di approvazione del bilancio di chiusura dell’esercizio.

La Corte di cassazione ha accolto il ricorso dell'Agenzia delle entrate, intervenendo sul caso della  società che aveva  usufruito del beneficio fiscale per l'anno 2003, prima della riforma del diritto societario.

 

Le motivazioni della Corte di cassazione: La Suprema Corte, accogliendo il ricorso del Fisco, ha evidenziato, in particolare, come l’esigenza di un’espressa previsione statutaria o di una specifica delibera assembleare avente ad oggetto la determinazione dei compensi degli amministratori, nel regime normativo anteriore alla riforma del D.Lgs. n. 6/2003, è stata ritenuta funzionale a garantire la piena trasparenza e la previa conoscenza di tutti i soci della relativa voce di spesa, in quanto elemento essenziale del rapporto fiduciario che presiede all'affidamento dell'incarico di amministrazione.

Esigenza, questa, che si ritiene soddisfatta soltanto attraverso la previsione di una specifica manifestazione volitiva dell'assemblea dei soci diretta alla assunzione dell'onere patrimoniale connesso al funzionamento dell'organo di direzione della società.

Ebbene, gli Ermellini hanno ritenuto che quindi la CTR è incorsa in errore di diritto perché ha ritenuto deducibile nell’esercizio di competenza (anno 2003) la spesa sostenuta dalla contribuente Srl per compensi agli amministratori, sebbene difettassero i requisiti di certezza e di oggettiva determinabilità dell’ammontare del costo, richiesti dall’art. 75 del TUIR, sia in considerazioni dell’invalidità del titolo di spesa sia in difetto di indicazioni nell’atto costitutivo dei criteri di liquidazione, non essendo stato preventivamente stabilito l’importo dei compensi dalla delibera dell’assemblea dei soci, e neppure essendo stata deliberata la misura dei compensi, in sede si approvazione del bilancio, a seguito di specifica discussione e con la partecipazione totalitaria dei soci.

Ne consegue, sempre secondo la Corte, che devono essere sanzionati con l’invalidità gli atti degli organi societari diversi dalla delibera dell’assemblea, così come la delibera assembleare assunta in modo difforme dalla previsione dell'art. 2389 c.c., in quanto avente a oggetto questioni estranee alla attribuzione dei compensi agli amministratori, come nel caso di specie, in cui la liquidazione delle somme da erogare agli amministratori sia meramente indicata in una delle voci di spesa del bilancio di chiusura esercizio presentato alla approvazione dell'assemblea.

Vuoi sapere quante visite ha questo articolista? Clicca sul bottoncino "VS" a lato.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???»
... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Log in to comment