Il MEF emette BOT. ASTA il 12 Settembre: come partecipare?
Il MEF emette BOT. ASTA il 12 Settembre: come partecipare?

Il Ministero dell'Economia e Finanza ha annunciato una nuova emissione di Bot all'asta per Martedì 12 settembre prossimo. Nell'articolo che segue tutte le caratteristiche e le informazioni per presentare domanda per i nuovi buoni del tesoro..

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Il Ministero dell'Economia e finanza ha comunicato l'emissione di BOT all'asta per il prossimo 12 Settembre 2017.

Ricordiamo che i BOT (Buoni Ordinari del Tesoro) sono obbligazioni emesse periodicamente dal Ministero dell'Economia e delle Finanze per conto dello Stato con lo scopo di finanziare (coprire) il proprio debito pubblico o direttamente il deficit pubblico.

I diritti di credito incorporati nel titolo possono essere corrisposti al sottoscrittore del prestito sia mediante lo scarto di emissione (ossia la differenza tra il valore nominale e il prezzo di emissione o di acquisto), sia mediante il pagamento di cedole (fisse o variabili) durante la vita del titolo.

Alla scadenza dell'obbligazione lo Stato rimborsa il capitale iniziale.

Per quanto riguarda l'emissione del 12 settembre, I BOT sono posti all'asta con il sistema di collocamento dell'asta competitiva, con richieste degli operatori espresse in termini di rendimento.

Ciascuno degli operatori partecipanti alle aste può presentare fino ad un massimo di cinque richieste di acquisto.

I buoni possono essere sottoscritti per un importo minimo di mille euro.

Per ciascuna emissione di BOT, il prezzo fiscale di riferimento è il prezzo medio ponderato della prima tranche, calcolato sulla base del corrispondente rendimento medio ponderato.

I rendimenti indicati dagli operatori partecipanti alle aste dei BOT, espressi in termini percentuali, possono variare, per tutte le tipologie di titoli, di un millesimo di punto percentuale o multiplo di tale cifra.

Non sono ammesse all’asta richieste senza indicazione del rendimento.

L'importo di ciascuna richiesta non può essere inferiore ad un milione e mezzo di euro.

Il collocamento dei BOT verrà effettuato nei confronti degli operatori indicati nel decreto di emissione.

In attuazione di quanto disposto dalla norma, in relazione alla dematerializzazione dei titoli di Stato, i buoni ordinari del Tesoro sono rappresentati da iscrizioni contabili a favore degli aventi diritto.

La Banca d’Italia provvede a inserire in via automatica le partite dei BOT sottoscritti in asta da regolare nel servizio di compensazione e liquidazione avente a oggetto strumenti finanziari con valuta pari a quella di regolamento.

IL MEF comunica anche che, in seguito all’assenza di specifiche esigenze di cassa, il giorno 12 settembre 2017 non verrà offerto il BOT trimestrale.

Per le specifiche sui BOT messi, è possibile consultare direttamente il sito del Ministero del'Economia e Finanza.

Le richieste di acquisto dovranno pervenire alla Banca d'Italia,esclusivamente tramite la rete nazionale interbancaria, con l'osservanza delle modalità stabilite nel decreto di emissione.

Il Ministero ricorda anche che in caso di malfunzionamento delle apparecchiature, che non consenta l’immissione dei messaggi nella rete, le richieste di partecipazione all’asta debbono essere inviate con modulo trasmesso via fax.

Le richieste non pervenute entro il termine stabilito dal decreto di emissione  non vengono prese in considerazione.

Le richieste non possono essere più ritirate dopo il termine suddetto.

Qualora le richieste di ciascun operatore, anche complessivamente, superino l’importo offerto dal Tesoro, esse verranno prese in considerazione a partire da quella con il rendimento più basso, fino a concorrenza dell’importo offerto, salvo quanto diversamente stabilito nel decreto di emissione.

Gli operatori “Specialisti in titoli di Stato” hanno facoltà di partecipare al collocamento supplementare dei BOT annuali.

L’offerta della tranche supplementare è stabilita di norma nella misura del 10% dell’ammontare nominale offerto nell’asta ordinaria, determinato in base ai criteri indicati nel decreto di emissione.

Tale percentuale rappresenta l’importo offerto nel collocamento supplementare, che il Tesoro si riserva di modificare dopo la chiusura dell’asta ordinaria, in base alle esigenze di domanda espresse dagli operatori.

In tale evenienza Il Ministero fornirà comunicazione.

Entro la giornata di martedì prossimo, 11 settembre del 2012, quindi,  i risparmiatori e gli investitori possono prenotare in asta i Buoni Ordinari del Tesoro (Bot) in emissione per quantitativi pari a 1.000 euro o multipli di mille euro attraverso gli intermediari, ovverosia in banca oppure alla Posta.

Se il tuo interesse è rivolto agli investimenti ti consigliamo di leggere anche:

- Conviene investire in Fondi comuni?

- Conviene investire in Pronti contro termine?

- Opzioni Binarie: truffa o possibilità di reale guadagno? 

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: MEF.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Carmelo Riccotti La Rocca, il Capo Redattore (leggi la sua biografia).