Tutti gli alberghi di Ischia hanno riaperto per il  G7
Tutti gli alberghi di Ischia hanno riaperto per il G7

Ricordate quei "turisti" che approfittando del terremoto hanno lasciato l'isola da sfollati, senza pagare il conto nella maggior parte dei casi? Ricordate la colata di veleni, di imprecisioni, di luoghi comuni e il danno d'immagine post-sisma sui casi, in molti casi presunti, di abusivismo ad Ischia? Una estate mutilata, una estate sfregiata. Ischia si era già rimboccata le maniche da sola. Ma la decisione del ministro Minniti di fare fra Ischia Porto e Ischia Ponte il G7 dei ministri dell'Interno ha riportato alone e indotto sull'isola verde. L'Hotel Punta Molino, fra i top dell'isola, è stata la base di riferimento. Ma tutti gli alberghi dell'isola (nella foto il Parco Aurora Terme blindato e sold out per la presenza dei giornalisti inviati da tutto il mondo) hanno riaperto.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Ischia blindata, Ischia rialza la testa, una prova di grande efficienza abbinata allo spettacolo paesistico.

Dopo la convention con Silvio Berlusconi a Lacco Ameno, al Grand Hotel Regina Isabella, da parte di Forza Italia, è andato in scena il G7 dei ministri dell'Interno euro-mondiali.

La presenza dei maggiori network televisivi mondiali ha restituito a Ischia la sua immagine, la sua peculiarità che non è quella di un territorio al collasso o in ginocchio per il terremoto, ma di un angolo di Campania reattivo e professionale.

Un grande albergo sul mare, nei pressi del Castello Aragonese, è stato interamente occupato e requisito per una settimana dalla delegazione americana, naturalmente per motivi di sicurezza.

Solo 2500 agenti di polizia ed esponenti delle forze dell'ordine a vario titolo hanno raggiunto l'isola per renderla una fortezza blindata e protetta.

I giornalisti, nello scacchiere dell'ospitalità, hanno fatto base sui quattro alberghi del Consorzio Dicohotels, fra cui il Parco Aurora Terme direttamente sul mare e costantemente presidiato.

Un solo problema, che certamente gli ischitani non hanno mancato di segnalare ai funzionari del Ministero dell'Interno italiano: il Centro per l'impiego, ovvero l'ufficio di collocamento di Casamicciola Terme che è in sede vacante dopo il terremoto dello scorso 21 Agosto.

Come sottolinea il quotidiano Il Dispari diretto da Gaetano Di Meglio, "Non si è trovato, sin qui, uno stabile adatto ad ospitare un servizio primario fondamentale per i cittadini. Un’opzione era quella di portare al Polifunzionale di Ischia, presso la sede ex Genesis, l’intera struttura, ma un problema di agibilità sta bloccando il trasferimento. Chiusa la sede ischitana, per ogni urgenza l’intero impianto è stato trasferito ad Arco Felice!".

Per la cronaca Arco Felice è Pozzuoli (Napoli), terra ferma...

In un momento come questo, il G7 non poteva che fare bene all’isola, lo ha confermato anche Giovan Battista Castagna, sindaco di Casamicciola, proprio il comune più colpito.

Ischia ha collaborato e ha confermato la sua vocazione all’accoglienza, così come per il rispetto delle istituzioni e dell'amore per la propria terra.

Le immagini di Ischia hanno fatto e stanno facendo il giro del mondo, con l'isola trasformata in una vetrina assolutamente positiva a due mesi da quel terribile 21 Agosto del terremoto.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: G7 a Ischia: sviluppare forme di cooperazione per il contrasto alla minaccia terroristica su internet, ildispariquotidiano.it, 20 Ottobre 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment