2 Maggio-23 Luglio: la dichiarazioni dei redditi e le sue scadenze
2 Maggio-23 Luglio: la dichiarazioni dei redditi e le sue scadenze. 

Dal 2 maggio è possibile modificare e rispedire all'Agenzia delle Entrate il 730 precompilato, già disponibile online per circa 30 milioni di italiani, sul sito delle Entrate dal 16 aprile scorso. Ma i termini per l'invio scadranno solo il 23 luglio. La novità è che da quest’anno la dichiarazione dei redditi predisposta dall'Agenzia delle Entrate contiene anche le spese sostenute per gli asili nido e quelle sanitarie. Il 730 potrà essere modificato e inviato fino al 23 luglio. Anche il modello Redditi può essere modificato, ma può essere trasmesso dal 10 maggio al 31 ottobre. Sempre da oggi è inoltre possibile compilare in modo assistito i dati relativi agli oneri detraibili e deducibili, rendendo più semplice e immediato inserire nuovi documenti.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

L'Agenzia delle Entrate ha messo a disposizione dei contribuenti una dichiarazione dei redditi precompilata con diversi dati già inseriti: dalle spese sanitarie a quelle universitarie; dalle spese funebri ai premi assicurativi, dai contributi previdenziali ai bonifici per interventi di ristrutturazione edilizia e di riqualificazione energetica, e altro ancora.

Da quest'anno il Fisco spiega anche come vengono spese le imposte: i cittadini che hanno presentato la dichiarazione dei redditi nel 2017 potranno conoscere, attraverso i dati elaborati dal ministero dell'Economia, come lo Stato ha distribuito le imposte relative al 2016, per capire nel dettaglio come ha contribuito a sanità pubblica, previdenza, istruzione, sicurezza, ordine pubblico, trasporti, cultura, protezione del territorio e così via.

I contribuenti possono accedere alla propria dichiarazione precompilata tramite il Sistema pubblico per l'identità digitale (Spid), con le credenziali dei servizi telematici dell'Agenzia delle Entrate, con il pin rilasciato dell'Inps, e con le credenziali di tipo dispositivo rilasciate dal Sistema Informativo di gestione e amministrazione del personale della pubblica amministrazione (NoiPA) oppure utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi.

I contribuenti hanno sempre la possibilità di rivolgersi a un Caf o di delegare un professionista.

Non sono dettagli.

Ma aspetti fondamentali.

In periodi come questo è sempre importante controllare sempre tutti i dati proposti nel modello con attenzione, tenendo ben presente che nel modello 730 precompilato 2018, sono stati segnalati diversi strafalcioni da parte del Fisco: genitori che si sono trovati improvvisamente senza figli, lavoratori che si sono trovati senza reddito o con i giorni lavorativi superiori a quelli effettivi e altre situazioni del genere.

Dopo aver effettuato l’accesso al vostro modello 730 precompilato  bisogna prestare particolare attenzione alla correttezza dei dati indicati: partendo da quelli dell’anagrafica, fino ad arrivare alle spese detraibili.

Professionisti abilitati e CAF sono spesso una valida alternativa alla precompilata, soprattutto quando in ballo ci sono spese importanti da portare in detrazione: ad esempio i lavori di ristrutturazione, per i quali è possibile scaricare il 50% dell’importo fino ad un massimo di 96.000 euro di spesa.

Gli scontrini/fatture stampati su carta chimica è meglio fotocopiarli. I documenti del modello 730/2018 dovranno esser conservati fino al 31 dicembre 2023.

Entro la scadenza del 25 ottobre 2018 sarà possibile inviare il 730 integrativo ma solo quando la correzione e integrazione della dichiarazione comporta un maggior credito, un minor debito o un’imposta invariata.

Negli altri casi, se la correzione comporta una situazione di sfavore al contribuente si dovrà inviare il modello Redditi correttivo del 730 entro il  31 ottobre 2018.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Fisco, è il giorno del 730, adnkronos.com, 2 maggio 2018.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment