Panama Papers, nuova ondata in onda su Report
Panama Papers, nuova ondata in onda su Report. 

Ne abbiamo sempre il sospetto, ma preferiamo non sapere. Meglio illudersi che i grandi ricchi e i grandi furbi non ci siano, si tira avanti con fatica lo stesso ma con meno rabbia. E invece le inchieste giornalistiche ci fanno toccare la realtà con mano. Tornano in onda, e non è una fiction, i segreti che riguardano imprenditori e aziende italiane che operano in settori sensibili e strategici e che hanno a che fare con i paradisi fiscali. Tutto questo sarà oggetto di una puntata speciale di Report, trasmissione condotta da Sigfrido Ranucci su Rai3. La puntata, proprio per questi eccellenti e scottanti motivi, va in onda domenica 12 Novembre in anticipo, ad un orario particolare, le 15.30.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

L'inchiesta su carta stampata de L'Espresso e il rinforzo video su Rai 3, ecco come torna negli occhi degli italiani l'arte di nascondere capitali all'estero, sottraendoli al fisco e facendoli fruttare alla "faccia" di chi paga le tasse per la Patria sul suolo del Belpaese.

Come conferma il programma d’inchiesta condotto da Sigfrido Ranucci, è italiano il nuovo fronte dello scandalo offshore.

Il simbolo sembra essere un database, con centinaia di clienti italiani, dell’avvocato italo-panamense Giovanni Caporaso.

Oltre a quanto pubblicato da L’Espresso su decine di migliaia di canzoni (da Bob Marley a Duke Ellington), con relativi incassi milionari dei diritti, gestito dalla FS Media Holding Company Limited, registrata nel 2007 nell’isola di Jersey, nei cassetti di Appleby si pescano anche le carte di soci di aziende italiane quotate in Borsa.

Nomi tutt'altro che da poco, come Prysmian e Buzzi Unicem, che incassano i dividendi a Cayman: si tratta dei classici hedge fund che, come per esempio Alphanatics (già socio di Buzzi), fa leva Appleby Cayman ma è gestito a Ginevra.

Anche i cinesi sono grandi clienti del network oggi sotto i riflettori. 

Secondo quanto si è potuto capire fino ad oggi, l'inchiesta "Paradise papers" svela il nome dei clienti degli studi legali offshore Appleby e Asiaciti.

Sotto la luce dei riflettori anche i dati dei registri aziendali di 19 Paesi offshore, come Bermuda e Cayman.

Nei documenti riservati emergerebbero, stando alla nota informativa del programma di Rai3, Report, i rapporti tra la Russia e il ministro per il Commercio Usa, Wilbur Ross, uno dei più stretti collaboratori del presidente americano Trump.

I "Paradise papers" custodirebbero anche gli affari di Stephen Bronfman, responsabile della raccolta fondi del premier canadese Justin Trudeau.

Le carte non risparmiano nemmeno i meccanismi societari che avrebbero consentito ai colossi come Apple, Nike e Uber, di risparmiare sulle tasse.

Ma fra i milioni di file riservati sui clienti di Appleby spiccano i nomi di alcuni tra gli uomini più ricchi del mondo che hanno importato il loro jet sfruttando le leggi dell'isola di Man per evitare l'Iva.

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Paradise papers, centinaia di nomi italiani, corriere.it, Mario Gerevini, 12 Novembre 2017.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment