Voci cinesi su Inter e Milan, sull'Inter qualcosa in più
Voci cinesi su Inter e Milan, sull'Inter qualcosa in più. 

Il presidente cinese Xi Jinping ha chiuso la conferenza economica annuale, stabilendo che nel prossimo triennio persisterà il massimo controllo sugli investimenti improduttivi, il calcio è tra questi, sostenendo solo l'indebitamento che favorisce una crescita interna e non quella di società straniere. Sulla stessa linea il documento, redatto dal ministero del Commercio, che detta le norme che devono regolare gli investimenti finanziari delle imprese private all'estero. Giusto specificare che non vengono mai citati né gli investitori dell'Inter né quelli del Milan. Però i fatti sono: Inter mercato di Gennaio solo se autofinanziato da uscite, mentre i conti correnti nerazzurri sono in pegno agli obbligazionisti. Milan, smentite sulla partenza di Bonucci.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Dopo le ultime linee programmatiche ispirate dal presidente cinese e legate a doppio filo alla visione del Partito comunista cinese, il principale giornale sportivo Titan è andato subito al  dunque: "Se Suning è un vero patriota ora si ritiri dall'Inter".

Nessun cenno al Milan, anche se da più parti filtra che il presidente rossonero Yonghong Li starebbe cercando soci cinesi per dare nuova linfa al club rossonero.

Il problema sembra riguardare più da vicino l'Inter, proprio perchè bisogna considerare gli stretti rapporti tra il patron Zhang Jindong e il governo cinese.

Sul conto di Suning nell'immediato, non è difficile ipotizzare un mercato di gennaio praticamente bloccato, e la stessa cosa potrebbe accadere anche sul medio lungo termine.

Questo spiega anche perchè non è ancora avvenuta, tramite il pagamento delle sue quote di minoranza, anche l'uscita di Thohir dalla compagine azionaria, che potrebbe essere legata all'eventuale qualificazione in Champions.

Se Suning dovesse avere bisogno di un "garante", anche agli occhi del governo di Pechino, Massimo Moratti resta l'idea più praticabile, dopo che l'Inter, nell'emissione del bond da 300 milioni, ha dato in pegno marchi e ricavi da sponsor e tv. 

Proprio così: sono emersi i dettagli sull’operazione di rifinanziamento del debito dell’Inter, che nei giorni scorsi ha collocato presso investitori istituzionali un bond da 300 milioni, destinato a rimborsare il finanziamento in essere con Goldman Sachs con scadenza 1' luglio 2019.

Secondo quanto indicato nei documenti ufficiali del club nerazzurro, le obbligazioni, emesse da Inter Media and Communication (controllata dalla capogruppo FC Internazionale Milano e da Inter Brand srl), sono assistite da garanzie reali prestate ai sottoscrittori delle obbligazioni da parte della stessa società emittente e dai suoi due azionisti.

Fra le altre cose, ai sottoscrittori delle obbligazioni sono finiti in pegno anche taluni conti correnti bancari sui quali verranno di volta in volta corrisposti, tra gli altri, i proventi dei diritti UEFA derivanti dall’assegnazione alla stessa Inter Media and Communications da parte della stessa UEFA di taluni diritti televisivi di proprietà di FC Internazionale Milano.

E il Milan? Voci su Bonucci dalla Premier League e da Madrid...

Ma informalmente il giocatore e formalmente il Club rossonero hanno seccamente smentito...

Dal canto suo, l'ex vicepresidente rossonero Paolo Berlusconi ha dichiarato: "Stiamo soffrendo come tifosi, ma alla nuova proprietà è giusto dare tempo".

«Quanto ti è piaciuto questo articolo???» ... Aiutaci:

1) Condividendolo sui Social Network;

2) e Registrandoti per Commentarlo QUI sotto.

Grazie di cuore!

 

FONTI:

Per il contenuto: Inter, in pegno agli obbligazionisti marchi, conti correnti, ricavi da sponsor e tv, calcioefinanza.it.

Per l'immagine: www.we-news.com

N.B. L'autore di questo articolo manleva da ogni qualsivoglia responsabilità questo sito e chi vi ci lavora per qualunque danno arrecato. Se pensi che ci sia stato dichiarato il falso e/o siano state commesse delle infrazioni legali, scrivici per poterti mettere in contatto direttamente con l'autore che si assume il 100% della responsabilità.

Articolo scritto da:

Mauro Suma, il Direttore Responsabile (leggi la sua biografia).

Log in to comment