Economia Internazionale

Foto Nicolas SarkozyFoto Barack ObamaConoscere l'Economia Internazionale (o Economia Estera) è indispensabile per comprendere le dinamiche che muovono tutto il mondo che gira intorno al nostro Paese. Essere consci dunque su quali novità riguardano l'Economia estera internazionale è un dovere ed un diritto di tutti e quindi la We-News.com vi terrà aggiornati su tutto il panorama economico estero. Siete di centrodestra o di centrosinistra? Nessun problema, noi siamo imparziali. Rimanete aggiornati anche con i nostri feed ed iscrivetevi alla nostra newsletter.

Prosegue il Quantitative Easing: cosa cambierà?L’annuncio di Draghi che ha sostenuto di voler dare il via al quantitative Easing, ribattezzato dagli organi di stampa “QE2”, agendo sulle modalità degli acquisti di titoli, è stato accolto con entusiasmo dai mercati finanziari. Le Borse europee, infatti hanno accelerato al rialzo: Milano e Parigi +0,7%, Francoforte +0,8%. La seconda fase del quantitative easing, che dovrebbe partire a dicembre prevede la scelta di una serie di opzioni come il probabile taglio del tasso d'interesse sui depositi delle banche presso la Bce, oggi a -0,20 per cento e la possibilità di modificare la composizione e durata degli acquisti di titoli (che prevedono un importo complessivo di 1.100 miliardi di euro). Queste misure potrebbero esser adottate in combinazione fra loro. Ma solo nelle prossime settimane si saprà quello che i comitati tecnici della Bce e delle banche centrali nazionali avranno deciso sul punto.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Log in to comment

Starbucks e Fiat dovranno restituire 20-30 milioni perchè hanno beneficiato di aiuti fiscali non dovutiIl verdetto ufficiale della Commissione europea stabilisce che Fiat e Starbucks dovranno versare centinaia di milioni di euro di tasse non pagate.  I tax rulings, gli accordi fiscali anticipati, siglati da Fiat Trade & Finance con il Lussemburgo e da Starbucks con i Paesi Bassi, sono da ritenersi illegali. La Commissione europea dopo 15 mesi di indagini sul trattamento fiscale privilegiato (tax ruling) ha decretato che Fiat e l'americana Starbucks, hanno goduto, di "una riduzione indebita dell'onere fiscale per almeno 20-30 milioni dal 2012 ad oggi". Secondo i calcoli di Bruxelles, Fiat e Starbucks avrebbero pagato tasse per appena 0,4 e 0,6 milioni di euro. La Fiat Chrysler Automotive ha subito criticato l'attesa decisione della Commissione, prima ancora che fosse ufficiale. Starbucks ha annunciato la sua intenzione di ricorrere contro la decisione europea. Sotto il mirino ci sono Apple e Amazon.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Log in to comment

Il gigante Cinese  preoccupa BankitaliaBanca d’Italia lancia l’allarme sulle possibili ripercussioni per l’economia derivanti dall’indebolimento della Cina: sono difficili da quantificare. In un senso molto simile a queste valutazioni anche i banchieri centrali europei hanno sottolineato che l’effetto negativo diffuso dalla Cina all’economia, potrebbe consistere appunto in un peggioramento delle attese d’investimento e di consumo. Le incertezze dovute all’instabilità cinese potrebbero incidere non poco sugli scenari economici internazionale. Quello che preoccupa di più infatti non è il crollo della borsa ma la flessione dell’export, il deprezzamento della yuan, la bolla immobiliare e la discesa del manifatturiero che non solo stanno mettendo a dura prova la stabilità de governo cinese, ma potrebbero appunto influenzare la stabilità dei mercati europei. Ad aggravare la situazione c’è anche il calo degli investimenti e la decrescita del PIL.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Log in to comment

Fusione Anheuser-Busch Inbev e Sab Miller: andamento e previsione azioniE’ stato recentemente  trovato un accordo fra i due colossi della birra la società belga Anheuser-Busch Inbev, proprietaria di circa 200 etichette di birra tra cui Corona e la società sudafricana Sab Miller, secondo produttore al mondo con in portafoglio i marchi Peroni, Nastro Azzurro, nonché uno dei maggiori imbottigliatore di Coca Cola al mondo. Dalla combinazione delle due società nascerà il primo gruppo della birra veramente globale. Tale grandisosa  fusione dal valore di 96 milioni di euro, concordata dopo quattro proposte fallite, farà nascere una società che dovrebbe capitalizzare la bellezza di  circa 250 milioni di euro e che concentra circa il 35 per cento della produzione di birra nel mondo. In attesa di aspettare il responso dell’Antitrust sulle autorizzazioni, le due società hanno tempo fino al 28 ottobre per mettere il sigillo finale alla maxi operazione.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Log in to comment

Grecia : fra le riforma intraprese c’è anche la vendita di Titoli del Tesoro Il premier greco Tsipras, dopo le elezioni vinte contro Vangelis Meimarakis, (che si è subito congratulato con Tsipras, forse sollevato che non sia toccata a lui la pattata bollente), è ora impegnato nell’attuare tutte quelle riforme promesse ai creditori internazionali. Quegli stessi creditori internazionali che ad agosto hanno accettato il piano di salvataggio della Grecia dopo mesi di trattative e dopo il rischio dell’uscita del Paese dall’euro. Fra le misure contenute nel programma ci l’aumento delle entrate, la razionalizzazione del sistema dell’IVA, l’approvazione delle riforme quale quella del lavoro. La Grecia intanto si è anche rifinanziata sul mercato dei capitali raccogliendo gli 812,5 milioni di euro in scadenza in titoli del Tesoro a tre mesi. E per i prossimi giorni Tsipras aspetta anche una risposta dal Parlamento sul primo pacchetto di riforme della nuova legislatura che permetterà disbloccare qualora fosse accettato, i 2 miliardi di euro concessi dai creditori internazionali.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Log in to comment

Italia –Turchia: al centro del patto di investimenti  casa, moda e cibo!L’Italia si è presentata alla Turchia con un pacchetto d’investimenti che comprende anche la riorganizzazione della governace e delle misure ad hoc per migliorare la competitività. Bisogna ricordare che il piano per l’attrazione degli investimenti esteri ha radici nel precedente Governo e si basa sulla forte e consolidata partnership economica che lega questi due paesi. L’obiettivo da quando a settembre sono ripartiti gli accordi di cooperazione è mobilitare 20 miliardi di investimenti aggiuntivi in Italia. Il premier Renzi ha infatti riaugurato la stagione delle alleanze sugli investimenti, seguendo l’esempio di Silvio Berlusconi che nel 2009 sbarcò ad Ankara con questa precisa intenzione. Proprio recentemente quindi Sace e il principale gruppo bancario privato turco, Yapı Kredi, hanno stretto un’intesa di collaborazione per espandere le opportunità di interscambio tra Italia e Turchia.

Copyright © All Rights Reserved - We-News.com

Log in to comment